ASCOLTA

Abbandonatevi! Che vi svegli la voce dei gabbiani, vi rallegri il cinguettio degli uccellini, vi rilassi lo sciabordio delle onde, vi addormenti la cicala all’ombra dei pini, vi facciano ballare i suoni del jazz, vi rilassi la campana della chiesa

più

RESPIRA

Lasciatevi andare! Sentite come vi vizia la natura che ha regalato a Lussino 1018 specie di piante – ben 939 sono autoctone, delle quali 230 officinali

più

SENTI... L’ISOLA DELLA VITALITÁ

Lussino ha una tradizione di turismo curativo lunga piu di 125 anni. Grazie al mite clima mediterraneo, alle pinete ed all’aria, e il luogo ideale per il ristoro dell’anima e del corpo. Imparate a vivere con noi, in armonia con la natura

più

ASSAGGIA

Rilassatevi! Abbandonatevi ai piaceri della gastronomia che vi faranno conoscere la cucina lussignana, le specialita aromatiche e a primavera la Festa della cucina lussignana. Concedetevi un viaggio attraverso sapori che mai prima d’ora avete avuto l’occasione di assaggiare

più

GUARDA

Lasciatevi andare! Godete la vista sui delfini che “ballano” in branco, mentre il grifone sorveglia l’isola dal cielo, sui muri delle case il geco striscia con allegria, e nella profondita del mare lo scampo migliore al mondo batte il ritmo con le chele

più


Unije | Attrattive turistiche

Necropoli romana - Polje (Campo)
Il campo dal nome Polje fu coltivato già nei tempi romani, e in virtù del ritrovamento dei resti di una tomba romana – necropoli, si suppone che nelle sue vicinanze ci fosse stato anche un piccolo abitato.
più
Pila con scritta glagolitica – casa Nikolić-Agatić n. 194, Unije, 1654.
Nella cantina della casa Nikolić-Agatić si custodisce la pila, grande recipiente di pietra per custodire l’olio d’oliva, dalla forma semicircolare con la “schiena” piatta, dalla capacità di 130 litri. La pila fu scolpita su richiesta del prete Matija Brnić, come testimonia la scritta glagolitica incisa sopra la medesima. La casa spicca per la sua ampiezza, e per questo viene chiamata dalla gente del paese “palac” (palazzo). Secondo la leggenda,...
più
Fortezze preistoriche – cime Turan, Malanderski e Kaštel
Le fortezze Turan, Malanderski e Kaštel dell’ Età del bronzo testimoniano che l’isola era abitata fin dalla preistoria. Le fortezze preistoriche furono abitate occasionalmente o stabilmente, e la loro funzione primaria era di difesa e di controllo del passaggio attraverso questa parte di costa. Sorgevano sulle cime più alte dell’isola. La fortezza Turan (128 m) domina la parte meridionale dell’isola e da essa si può godere del panorama da tutti...
più
Naufragio dell’antichita – il fondale dell’isolotto Školjić
Le acque dell’isola di Unije hanno rappresentato da sempre il punto di convergenza delle rotte marittime dall’Istria verso la Dalmazia ed il Quarnaro. Prendendo in considerazione le molte rocce e le secche rocciose sparse attorno l’isola, non c’è da meravigliarsi che molte navi siano naufragate. I resti di un naufragio si possono vedere all’entrata nel porto di Unije.
più
Strada romana – dalla baia di Maračuol fino alla baia di Podkujni
Tutta la costa occidentale di Unije è molto ricca di insenature, fra le quali spiccano le baie di Maračuol e di Podkujni, strette e relativamente profonde, adatte per l’ancoraggio e per la protezione dalle burrasche. Le baie furono collegate ancora nei tempi romani dalla strada i cui resti si possono vedere ancora oggi.
più
Uroboro - zona Zagromaču
Dieci anni fa, per caso è stato reperito nel basamento di un muro a secco, dei quali Unije abbonda, un blocco di pietra con inciso il bassorilievo di un’uroboro, cioè un serpente che si morde la coda. L’uroboro è un simbolo molto antico, che rappresenta il rinnovo della vita e la natura ciclica delle cose. Per ora non si sa il periodo al quale risalga il rilievo e la cultura di appartenenza.
più
Punti d’avvistamento Bizantini detti „Straže“
L’isola di Unije fu inserita nel periodo dal VI –VIII secolo nel sistema difensivo e comunicativo del limes bizantino. Sul toponimo Straža molto probabilmente esistevano due punti d’avvistamento che controllavano le vie marittime. Sebbene il traffico marittimo a quell’epoca fosse intenso, vista la la mancanza di reperti, si suppone che la popolazione abbia provvisoriamente abbandonato l’isola. Solo nel XIII secolo arrivò una nuova popolazione...
più
Società commerciale e sala Croata di lettura , inizio del XX secolo
La società commerciale fu fondata il 19 agosto 1900 e contava 62 azionisti, tra i quali il noto professore e studioso lussignano Ambroz Haračić, il quale aveva delle tenute sul campo Polje. La società aveva il proprio negozio al pianoterra dell’edificio dell’attuale ufficio postale. Sul piano sovrastante si trovava la Sala croata di lettura, fondata nel 1897. Uno dei fondatori della Sala croata di lettura e primo sulla lista degli azionisti...
più
Faro Vnetak, 1873
Il faro Vnetak sull’omonima punta fu costruito nel luogo in cui all’inizio d’autunno il mare ribolle per la grande quantità di minuscolo pesce azzurro, in mezzo al quale a volte si scaglia un grande tonno affamato. Secondo i racconti della gente del posto, fu fatale per il caposquadra che prese parte alla costruzione del faro un tonno simile, che trascinò l’uomo con tutta la barca al largo, facendone perdere ogni traccia.
più
Campanile, 1857
Il campanile della chiesa parrocchiale di S. Andrea è costruito sul modello della chiesa parrocchiale di Lussinpiccolo, però in proporzione ad essa e molto più snello.
più
Campo di Unije
Le Unije erano conosciute già ai tempi romani come ricco granaio. Il vino e l’olio d’oliva erano molto apprezzati nella Repubblica di Venezia. La parte più fertile è Polje, pianura situata a neanche 10 m sopra il livello del mare, composta da grossi strati di argilla. Polje fu per secoli proprietà della signoria osserina, per poi diventare nel corso del XVIII e XIX secolo proprietà dei lussignani. Gli abitanti di Unije curavano e zappavano i loro...
più
„Villa Rustica“ romana – baia di Mirišće, I - IV. sec. d.C
Nei tempi romani tutta l’isola era costituita da un grande uliveto o da un grande vigneto. Tracce di vita sull’isola nei tempi romani sono documentate da molti reperti archeologici. Nella baia di Mirišće sono stati rinvenuti i resti delle mura della villa di villeggiatura/fattoria (villa rustica) con il proprio ormeggio, risalente al I – IV sec. a.C.
più
Architettura popolare di Unije
Il paese sorge sulla parte occidentale dell’isola, quella protetta dalla bora. La struttura del paese è simile a quella di un anfiteatro, conservata molto bene fino ad oggi, e quasi intatta. Costituito da case dalla forma caratteristica per l’architettura abitativa del XIX secolo di Lussinpiccolo e Lussingrande, così come di alcuni paesi più piccoli dell’isola di Lussino (Ćunski, Sv. Jakov, Nerezine). Si tratta di case edificate nello stile del...
più
Due torchi per le olive
Sebbene abitassero su una lontana isola nel mare aperto, gli abitanti di Unije erano al corrente degli eventi socio-politici nel periodo della maggiore fioritura del paese all’inizio del XX secolo, fatto che portò a disaccordi tra il cerchio culturale croato e quello italiano. Nel 1913 Unije si trovò ad avere la scuola in lingua italiana e quella in lingua croata, due società economico-commerciali (quella croata fondata nel 1900), due...
più
Fabbrica per la conservazione del pesce, baia di Maračuol
Nelle acque di Unije si pescava prevalentemente il pesce azzurro – sardine e aguglie nelle baie sulla parte nord-ovest dell’isola di Unije, dalla punta Lokunji fino alla punta Vnetak, e le menole attorno alla punta Arbit. Nel 1911 i pescatori di Unije disponevano di due tratte e 80 reti da posta fissa e nel 1951 di un peschereccio e 50 reti a posta fissa. Dopo la Seconda guerra mondiale, l’attività di pesca gradualmente diminuisce. La Società...
più
Chiesa parrochiale di S. Andrea, fine del XVIII secolo, ampliata nel 1911
La chiesa fu costruita alla fine del XVIII secolo ed realizzata in stile tardo barocco. Sull’altare maggiore di marmo si trova la pala d’altare dedicata alla Madonna del Carmelo. Il coro è insolito, a tre lati, costruito come un balcone che da tre parti circonda la navata della chiesa.
più
Cimitero e chiesa di S. Andrea
La chiesa più antica dell’isola, costruita all’inizio del campo Polje, nelle vicinanze dei due stagni, uno più piccolo che adoperavano le persone e uno più grande che serviva per abbeverare il bestiame. Secondo una leggenda la costruzione della chiesetta viene collegata ai pirati, o Kursari, come li chiamano sull’isola. I pirati irrompevano spesso nel paese e prendevano alla gente il grano, i buoi, etc. e la gente scappava per salvare la...
più
 
Prijava gostiju
Ritrovaci su:
Instagram Pinterest RSS Facebook YouTube Google Earth Smartphone Application
Contatto
Ente per il turismo della città di Mali Lošinj
Riva lošinjskih kapetana 29, HR – 51550 MALI LOŠINJ, Croazia
Tel: +385 51 231 884, Tel: +385 51 231 547, Fax: +385 51 233 373
E-mail: losinj@visitlosinj.hr